Presentazione Caritas
Auguri Natale 2017Messaggio dell’Arcivescovo per il nuovo Anno

La benedizione che la liturgia invoca sui Fedeli e sull’Umanità nel primo giorno del 2018 è l’auspicio più bello e buono che possiamo augurarci: “Ti benedica il Signore e Ti custodisca. Il Signore faccia risplendere per te il suo volto e ti faccia grazia. Il Signore rivolga a te il suo volto e ti conceda pace” (Nm 6,22-27). L’invito è non solo ad aver fiducia in Dio, ma siamo sollecitati a mettere di fronte a Lui le fatiche dell’anno trascorso, le illusioni sfumate e le inadempienze personali e collettive, il futuro per il quale tutti dobbiamo impegnarci per doverosa giustizia e in spirito di fraternità.

Dal 1967, il beato Paolo VI volle dedicare il primo giorno dell’anno alla preghiera per la pace. Sappiamo che il Signore Gesù è il ‘principe della pace’, è Lui che la radica nel cuore dell’uomo, così come annunciato dagli Angeli a Betlemme. La pace è il valore che umanizza la crescita culturale, economica, sociale e politica dei popoli e delle nazioni.

Il Papa, affidandoci la strenna “Migranti e rifugiati: uomini e donne in cerca di pace”, ci raccomanda di avere uno sguardo contemplativo; secondo la sapienza della fede cristiana tutti facciamo parte di una sola famiglia. Questa consapevolezza però deve far nascere un impegno concreto in tutti noi per garantire sicurezza e accoglienza dignitosa.

Anche quest’anno avremo da condividere tra noi la prova del terremoto con le fatiche e le privazioni che ha generato. Ci sono segni di rilancio, varie opere pubbliche permettono a famiglie sempre più numerose di ritornare nei nostri Paesi, si riprende a lavorare, le attività scolastiche dei nostri ragazzi sono un segno di ripresa e un invito ad aver fiducia.

Cerchiamo tutti di sviluppare un sentimento comune di collaborazione, ciascuno metta del suo nel positivo che si va costruendo, una solidarietà nel futuro buono e per tutti rende più facile affrontare le difficoltà, adottare i correttivi necessari, stimolare accelerazioni e tempestività, bloccare operazioni o manovre corrosive.

Il Signore, che ci concederà il 2018, ci chiede di darci fiducia e credito reciprocamente, perché nel dialogo e nella condivisone delle responsabilità maturiamo la cura generosa verso tutti, particolarmente nei riguardi di coloro, concittadini o meno, che sono in condizioni di debolezza o necessità.

A tutti ogni bene dall’Alto,

+Francesco Giovanni, arc.

 ---

Vetrinetta

AA.VV. Donne moderne

Aa. Vv., Donne moderne. Storie di Sante, prefazione di Ritanna Armeni, EDB, Bologna 2014, € 12,50...

Leggi tutto

Domenico Agasso - Re…

Domenico Agasso - Renzo Agasso - Domenico Agasso jr., Don Bosco. Una storia senza tempo, Elledici, ...

Leggi tutto

Andrea Tornielli - G…

Andrea Tornielli - Giacomo Galeazzi, Papa Francesco. Questa economia uccide, Ed. Piemme, Milano 2015...

Leggi tutto

Marco Cardinali

Marco Cardinali, Alle sorgenti della vita. Edizione speciale per l’Anno della Vita Consacrata, Lat...

Leggi tutto

Laura Mirakian

Laura Mirakian, Siria Perché. Lettere da Damasco, Introd. Antonia Arslan, Guerini e Associati, Mila...

Leggi tutto

Luca Merlo

Luca Merlo, Yves Congar, Morcelliana, Brescia 2014, pp. 128, € 12,50.   Il secolo scorso è s...

Leggi tutto

AA. VV. "Tantum…

AA.VV., «Tantum Aurora est». Donne e Concilio Vaticano II, a cura di Marinella Perroni, Alberto Me...

Leggi tutto

Giorgio Campanini

GIORGIO CAMPANINI, Bene comune. Declino e riscoperta di un concetto, EDB, Bologna 2014, pp. 104, €...

Leggi tutto

Pietro Corsi

Pietro Corsi, L’evoluzionismo prima di Darwin. Baden Powell e il dibattito anglicano (1800-1860), ...

Leggi tutto