Percorso Porta Santa

L’Avvento ha proprio questa caratteristica: ci prepara all’irruzione della novità di Dio nel nostro mondo. L’Incarnazione del Figlio di Dio, Gesù di Nazareth, non si origina nella storia e non si spiega solo con essa. Con il Natale, il Figlio mette la sua tenda tra di noi e si radica nella fragilità della nostra vita, soggetta al male e alla morte. Tramite l’umanità santissima di Gesù prende dimora nel mondo il nuovo modo di rivelarsi dell’amore di Dio. La notizia promessa, attesa e desiderata si compie in maniera sorprendente e inaspettata.

La venuta del Signore, anche dal punto di vista liturgico, impone al cristiano attesa di ciò che sta per venire e pazienza verso ciò che non sa quando verrà. E la pazienza è l’arte di vivere l’incompiuto, di stare nella parzialità e nell’incertezza del presente senza disperare. Da qui nasce la perseveranza evangelica, l’attesa paziente come segno di forza e di solidità, di stabilità e di convinzione: la venuta del Signore conduce il cristiano a disciplinare il proprio desiderio, a imparare a desiderare, a frapporre distanza tra noi e quanto bramiamo.

A partire da questa riflessione, non possiamo non ricordare gli eventi drammatici che, un anno fa, hanno sconvolto le nostre esistenze e ci hanno costretto ad incrementare la pazienza di fronte alle difficoltà che all’inizio sembravano insormontabili e ad attendere con fiduciosa creatività il lento e graduale ritorno alla normalità. La gratitudine a Dio per essere stati risparmiati dal dramma del lutto si è incontrata con la tenace operosità che ci ha permesso di riprenderci dallo shock psicologico e di rideterminare il nostro quotidiano in nuovi contesti abitativi, lavorativi, relazionali, religiosi.

L’Avvento è occasione propizia per rivolgere lo sguardo e i cuori al Signore Gesù. Divenga, per tutti, tempo di grazia, lasciamoci stupire dal natale del Bambino che è Dio venuto a vivere con noi la stessa nostra vita. L’augurio per questo nuovo anno liturgico è quello di poter riconoscere, negli sconvolgimenti che ci hanno inevitabilmente toccato, la novità della venuta del Signore e il suo invito ad proseguire il cammino, per quanto alle volte faticoso e drammatico, sulla via della vita buona e fraterna che il Natale ci offre.

Il Papa, che ho incontrato il 24 novembre scorso, ci benedice tutti, ci porta nel cuore e ci chiede di pregare tanto per Lui. Con affetto, il Vostro

+Francesco Giovanni,

arcivescovo

Vetrinetta

AA.VV. Donne moderne

Aa. Vv., Donne moderne. Storie di Sante, prefazione di Ritanna Armeni, EDB, Bologna 2014, € 12,50, p...

Leggi tutto

Domenico Agasso - Re…

Domenico Agasso - Renzo Agasso - Domenico Agasso jr., Don Bosco. Una storia senza tempo, Elledici, ...

Leggi tutto

Andrea Tornielli - G…

Andrea Tornielli - Giacomo Galeazzi, Papa Francesco. Questa economia uccide, Ed. Piemme, Milano 2015...

Leggi tutto

Marco Cardinali

Marco Cardinali, Alle sorgenti della vita. Edizione speciale per l’Anno della Vita Consacrata, Later...

Leggi tutto

Laura Mirakian

Laura Mirakian, Siria Perché. Lettere da Damasco, Introd. Antonia Arslan, Guerini e Associati, Milan...

Leggi tutto

Luca Merlo

Luca Merlo, Yves Congar, Morcelliana, Brescia 2014, pp. 128, € 12,50.   Il secolo scorso è stat...

Leggi tutto

AA. VV. "Tantum…

AA.VV., «Tantum Aurora est». Donne e Concilio Vaticano II, a cura di Marinella Perroni, Alberto Mell...

Leggi tutto

Giorgio Campanini

GIORGIO CAMPANINI, Bene comune. Declino e riscoperta di un concetto, EDB, Bologna 2014, pp. 104, € 1...

Leggi tutto

Pietro Corsi

Pietro Corsi, L’evoluzionismo prima di Darwin. Baden Powell e il dibattito anglicano (1800-1860), Ed...

Leggi tutto