Home
Beato Rizzerio
Struttura ricettiva - Eremo Santuario Beato Rizzerio
Casa Arsini
Casa di accoglienza Arsini, Via S. Ercolano (fraz. Tempori di Ussita) 62039 Ussita (MC)
Rifletti con il percorso della Porta Santa
Santuario di Macereto visita il sito
Santuario Madonna dei Lumi
Segni di Carità per la nostra Diocesi.
Clicca qui per accedere alla pagina
Don Francesco Pierpaoli ha introdotto l’incontro ricordando il cammino compiuto dalle Chiese delle Marche: 2° convegno regionale, preparazione e contributo della nostra regione al convegno di Firenze, la lettera pastorale dei Vescovi incentrata sulla famiglia, cuore e metodo della pastorale. Ha richiamato, inoltre, i Sinodi sulla famiglia e l’Anno giubilare, eventi che hanno offerto indicazioni e insegnamenti importanti per ridare slancio al cammino di una evangelizzazione rinnovata ed efficace, pensata con discernimento comunitario per il nuovo tempo. Il metodo dei laboratori, sperimentato a livello marchigiano, è stato utilizzato anche a Firenze: una modalità che agevola il coinvolgimento di tutti e genera un movimento creativo, come auspicato dallo stesso papa Francesco.

Il metodo dei laboratori coinvolge e genera un movimento creativo

I lavori sono proseguiti in tre gruppi, articolati nelle Metropolie di Ancona, Fermo e Pesaro. Una scheda ha orientato la discussione, focalizzata in particolare sulle suggestioni vissute a Firenze, sulle relazioni tra presbiteri e laici, sul dialogo con la città e il territorio, sul rapporto con i giovani e su quali potrebbero essere i prossimi passi delle Chiese delle Marche camminando insieme in dialogo, collaborazione e sinergia. Lo scopo è di individuare iniziative concrete per partire con un’attività pastorale coerente con l’impostazione e le priorità di Firenze. Le proposte scaturite dalla discussione dei tre gruppi sono state illustrate per grandi linee all’assemblea.

Per Pesaro occorre evitare due rischi: che la sinodalità rimanga solo un proclama e località di una stessa Chiesa si muovano con velocità diverse. Perciò, è necessario rafforzare i collegamenti tra diocesi e garantire la reale rappresentatività dei Consigli pastorali. Si suggeriscono riunioni periodiche dei Consigli pastorali diocesani delle metropolie. Le rigidità parrocchiali, ove esistano, possono essere rimosse promuovendo esperienze di fraternità. Il Serac dovrebbe elaborare schede di lettura sull’Evangelii gaudium.

Ancona ha proposto di lavorare sulla pastorale universitaria e sui giovani verso i quali sono state già sperimentate esperienze positive: Vanno intensificati i rapporti con gli insegnanti di religione e proposti progetti alle scuole, dialogando con i dirigenti. I campi missionari vanno ampliati e intensificati. Sarebbe molto utile raccogliere le buone prassi comuni e individuare poche idee dell’Evangelii gaudium per poi metterle in atto. Gli Uffici delle diocesi debbono lavorare insieme e gli Istituti di studi religiosi vanno utilizzati meglio.

Fermo ha espresso la convinzione che il discernimento comunitario vada posto al centro dell’azione pastorale, perché può diventare fermento e lievito di crescita corale. Tale scelta può comportare il cambio dello sguardo, che deve sempre essere unitario. Occorre promuovere esercizi pratici di comunione e incontrarsi con stile, senza gerarchie precostituite. I giovani sono il campo da affrontare con maggiore vigore e iniziative creative. Tutto ciò può aiutarci a ricongiungere le generazioni e migliorare l’obbedienza pastorale. Le comunità parrocchiali vanno valorizzate, in particolare per la capacità di progettare missioni in maniera creativa.

Il cardinale Menichelli ha concluso i lavori esprimendo gratitudine ai partecipanti per la disponibilità e l’impegno profusi. Ha sottolineato che “la sinodalità è un modo di essere e di vivere; la precondizione, però, è quella di starci”. Le Metropolie possono essere lo strumento per aiutarci a lavorare e camminare insieme e, ha aggiunto, “le Diocesi vanno riviste attraverso processi partecipativi locali, altrimenti c’è il rischio di soluzioni imposte dall’alto”. Infine, per Menichelli è indispensabile recuperare una più forte passione, “perché nelle nostre comunità si avverte stanchezza”.

Vetrinetta

AA.VV. Donne moderne

Aa. Vv., Donne moderne. Storie di Sante, prefazione di Ritanna Armeni, EDB, Bologna 2014, € 12,50, p...

Leggi tutto

Domenico Agasso - Re…

Domenico Agasso - Renzo Agasso - Domenico Agasso jr., Don Bosco. Una storia senza tempo, Elledici, ...

Leggi tutto

Andrea Tornielli - G…

Andrea Tornielli - Giacomo Galeazzi, Papa Francesco. Questa economia uccide, Ed. Piemme, Milano 2015...

Leggi tutto

Marco Cardinali

Marco Cardinali, Alle sorgenti della vita. Edizione speciale per l’Anno della Vita Consacrata, Later...

Leggi tutto

Laura Mirakian

Laura Mirakian, Siria Perché. Lettere da Damasco, Introd. Antonia Arslan, Guerini e Associati, Milan...

Leggi tutto

Luca Merlo

Luca Merlo, Yves Congar, Morcelliana, Brescia 2014, pp. 128, € 12,50.   Il secolo scorso è stat...

Leggi tutto

AA. VV. "Tantum…

AA.VV., «Tantum Aurora est». Donne e Concilio Vaticano II, a cura di Marinella Perroni, Alberto Mell...

Leggi tutto

Giorgio Campanini

GIORGIO CAMPANINI, Bene comune. Declino e riscoperta di un concetto, EDB, Bologna 2014, pp. 104, € 1...

Leggi tutto

Pietro Corsi

Pietro Corsi, L’evoluzionismo prima di Darwin. Baden Powell e il dibattito anglicano (1800-1860), Ed...

Leggi tutto